Domenica, 15 Settembre 2013 16:21

L'ACCAN replica con un duro comunicato alle dichiarazioni del Presidente di Uninmpresa Enzo Mazzeo

Vota questo articolo
(0 Voti)

COMUNICATO STAMPA DEL 31 GENNAIO 2013

Ci corre l'obbligo di replicare – recita il comunicato dell'ACCAN – alle dichiarazioni di Unimpresa sulla questione Piano Traffico. Soprattutto per cercare di ricondurre la discussione da meschine e strumentali questioni politiche e personali - sappiamo benissimo che Mazzeo è molto vicino all'amministrazione comunale di Nola nonché amico personale del sindaco Biancardi - a una analisi della condizione di degrado in cui versa la città di Nola. Ci sentiamo amareggiati constatando che, di fronte a una rivendicazione da parte di tanti commercianti preoccupati per il progressivo depauperamento del centro cittadino di Nola a causa delle scelte scellerate dell'Amministrazione Biancardi, e di cui il PUT è solo uno degli aspetti, si debba subire continui tentativi di ridicolizzazione e delegittimazione da parte dell'Amminstrazione e dei suoi sostenitori.

L'Associazione ACCAN è nata sotto la spinta di tanti commercianti 'storici' che si preoccupano del palese tentativo di trasformazione della città di Nola in città dormitorio con il susseguente spostamento delle aree di sviluppo commerciale presso la estrema periferia e il Centro Servizi Vulcano Buono.

Noi non abbiamo alcuna intenzione di prestarci ad alcuna strumentalizzazione di carattere politico. Fin dalla nostra costituzione abbiamo ripetutamente posto all'attenzione dell'opinione pubblica una serie di questioni di carattere tecnico e rilevato le gravi responsabilità dell'Amministrazione Biancardi nella progressiva devalorizzazione del centro cittadino.

É vero che la crisi economica che attanaglia le attività produttive rappresenta una problematica di carattere nazionale e globale, tale condizione non l'abbiamo mai negata. Altrettanto vero è, però, che l'Amministrazione Biancardi e diverse associazioni di categoria non solo non hanno posto in essere alcun intervento concreto per sostenere le attività commerciali del centro cittadino ma hanno intrapreso azioni che, di fatto, hanno disincentivato l'afflusso di utenti presso la città.

Il Piano Urbano Traffico, nelle stesse intenzioni del progettista, ha la funzione di 'spostare' il flusso di autoveicoli lontano dalla città. Le condizioni di assoluta mancanza di servizi (parcheggi adeguati, trasporto pubblico), la gravissima condizione di manutenzione delle strade e dei camminamenti pedonali urbani e, nell'ultimo periodo, la presenza di numerosi cantieri stradali dentro e fuori il centro storico rende pressoché impossibile a molti utenti una soddisfacente fruizione degli spazi urbani.

La situazione da noi denunciata, lo ribadiamo, è oltremodo evidente, e non fa che aggravare le difficoltà economiche degli operatori commerciali della città di Nola già minate dalla crisi. Per 'smontare' la tesi infondata che non vi è una diretta responsabilità da parte dell'Amministrazione Biancardi basti considerare la situazione di città limitrofe come Marigliano o Pomigliano D'Arco nelle quali, nonostante la crisi economica, non solo non si vive la 'desertificazione del centro' che si manifesta a Nola ma addirittura si registra un trend di crescita delle attività commerciali.

Invece che bollare come attacchi politici ogni forma di critica democratica – tra l'altro opportunamente motivata e fondata su analisi e considerazioni oltremodo oggettive – l'Amministrazione Biancardi dovrebbe interrogarsi su cosa avrebbe potuto fare per garantire una 'rinascita' della città di Nola.

Lo stesso argomento può essere utilizzato per considerare l'esperienza dei nostri detrattori. Il Consorzio Infiniti, di cui Mazzeo è rappresentante, era nato con lo scopo di operare un processo di valorizzazione del centro cittadino. Dopo due anni dalla sua costituzione l'unica situazione che è sotto gli occhi di tutti è la progressiva chiusura di molte attività commerciali nello stesso Corso Tommaso Vitale. Noi che rappresentiamo gli operatori commerciali, siamo abituati a valutare la situazione sulla base dei risultati, e considerando la condizione attuale rispetto al trend del territorio non si può che parlare di assoluto fallimento, da parte sia dell'Amministrazione che del consorzio Infiniti, rispetto alla riqualificazione della città.

L'intervento di Mazzeo - continua il comunicato dell'ACCAN - sembra quasi un clone di quanto già dichiarato la scorsa settimana dal sindaco Biancardi. Vorremo capire chiaramente quali effettivi interessi siano rappresentati da Associazioni 'palesemente vicine all'amministrazione comunale di Nola' (tanto da esprimere gli stessi concetti utilizzando quasi le stesse parole). La dichiarazione di Mazzeo non fa altro che convincerci che la presenza di diverse associazioni di rappresentanza categoriale sia da inquadrare in una precisa e collaudata strategia di occupazione degli spazi di partecipazione democratica da parte di 'soggetti amici dell'Amministrazione comunale'. Utilizzare argomenti di vario genere per distogliere l'attenzione dai veri problemi che attanagliano la Città dei Gigli è azione sicuramente non condivisibile né tantomeno apprezzabile. Denigrare questo o quel partito politico non ci appartiene; l'azione portata avanti dall'ACCAN verte su argomentazioni di carattere tecnico; criticare l'operato dell'Amministrazione non è attaccarne la colorazione politica ma evidenziare che la stessa non vive i problemi della cittadinanza, non vive i problemi dei commercianti.

L'ACCAN è nata non con scopi politici ma con un preciso programma di partecipazione delle forze produttive alla gestione della città. Vogliamo ricordare che gli obiettivi programmatici su cui abbiamo costruito la nostra aggregazione sono: la immediata sospensione del Piano Urbano Traffico Comunale e la apertura, nei termini previsti dalla norma, delle pubbliche consultazioni con le associazioni e i cittadini sulle modalità di progettazione e attuazione, dato il fallimento della procedura di 'sperimentazione' che continua da sette mesi; la convocazione di una conferenza permanente dei servizi in tema di sviluppo economico del territorio, che comprenda l'Ente Comune di Nola e gli operatori commerciali e turistici e che concerti tutti gli interventi in tema di Commercio, Viabilità e Parcheggi, Lavori Pubblici, manifestazioni culturali e di promozione del turismo in modo da trasformare gli investimenti pubblici da semplici mezzi di clientela politica (a questo ormai ci siamo ridotti) alla loro originaria funzione di strumenti di sviluppo dell'economia del territorio; la creazione di un sistema di auto-organizzazione degli operatori commerciali che possa affiancare gli enti locali nelle iniziative di sviluppo commerciale del territorio, in tutti i processi di pianificazione urbanistico/territoriale, nelle attività di promozione culturale e del patrimonio archeologico/artistico del territorio.

Non riusciamo a comprendere quale intento 'politico' o strumentale possa esserci in una serie di rivendicazioni che partono dall'analisi di una condizione di degrado evidente e che hanno come unico scopo l'affiancare l'Amministrazione nei processi di gestione della Città.

Invece che continuare a difendere una amministrazione che si è manifestata incapace a gestire correttamente la città, auspichiamo che il presidente di Unimpresa e le altre associazioni di categoria avviino una seria azione di rappresentanza degli interessi dei propri associati.

Invitiamo l'Amministrazione Biancardi - conclude il cmunicato ACCAN - e le associazioni 'vicine all'amministrazione comunale di Nola' quantomeno ad ammettere che, probabilmente, l'insieme di interventi volti a depauperare il centro cittadino fanno parte di un preciso progetto di 'spostamento' degli interessi commerciali dalla città al 'Centro Commerciale' Vulcano Buono in forza anche dei notevoli contributi economici elargiti dal cav. Gianni Punzo.

Certamente noi che non abbiamo alcun legame politico e che non abbiamo interessi economici nel distretto CIS/Interporto/Vulcano, continueremo a denunciare l'operazione di 'svendita della città' e ad operare nell'interesse degli operatori commerciali e dei cittadini di Nola.”

Devi effettuare il login per inviare commenti
Joomla SEF URLs by Artio

Articoli Correlati

  • Giugno Nolano 2015. Il Consigliere MariaFranca Tripaldi chiede la verifica della regolarità degli atti della Fondazione Festa dei Gigli.

    NOLA - Si estende la polemica sui presunti danni erariali e sulle irregolarità amministrative nella organizzazione del programma per la Festa dei Gigli 2015. Il consigliere MariaFranca Tripaldi ha presentato una interrogazione al Presidente della Fondazione Festa dei Gigli Raffaele Soprano, al sindaco Biancardi e all'assessore ai beni culturali Cinzia Trinchese, nella quale chiede che siano resi pubblici i particolari dei procedimenti amministrativi che hanno portato alla organizzazione degli eventi del giugno nolano 2015, dalla individuazione dei soggetti partner ai permessi, autorizzazioni e oneri previsti da legge per lo svolgimento delle manifestazioni. Il caso, sollevato dall'ACCAN riguardo allo Street Food Festival in villa comunale, sull'assenza di permessi, autorizzazioni e soprattutto di oneri a carico dei ristoratori partecipanti - con un palese arricchimento di privati non operanti nel territorio comunale a scapito dell'ente comune e dei ristoratori local ...
  • L'ACCAN contesta al Comune di Nola lo Street Food Festival. Ristoratori in rivolta nella Città dei Gigli.

    NOLA – l'ACCAN, Associazione Civica Commercianti dell'Area Nolana, interviene a fianco dei ristoratori nolani per la vicenda dello 'Street Food Festival' previsto dal 20 giugno al 03 luglio 2015 presso la Villa Comunale. “L'ACCAN tramite il proprio presidente Antonio Piccolo, contesta all'Amministrazione Comunale di Nola la decisione di concedere 'a gratis' la Villa Comunale di Nola, tra l'altro chiusa da mesi e ancora sotto tutela dalla Soprintendenza per la questione degli alberi secolari e monumentali che il sindaco Biancardi vuole abbattere, a imprese private del settore ristorazione non operanti a Nola. Una procedura, dichiara il presidente ACCAN, avvenuta senza alcuna forma di concertazione con le associazioni di categoria e senza una procedura pubblica per l'individuazione delle imprese partecipanti. Una concessione di un'area pubblica importante quale la Villa Comunale di Nola senza il pagamento di alcun onere da parte degli operatori e con la spo ...
  • Riparte l'attività dell'ACCAN Confesercenti. Nominato il nuovo direttivo con l'obiettivo di realizzare la proposta di Piano Commercio Comunale.

    NOLA – riparte l'attività associativa dell'ACCAN – Associazione Civica Commercianti dell'Area Nolana aderente Confesercenti.

    Nominato presidente uno dei fondatori dell'ACCAN:

    Antonio Piccolo, titolare della omonima impresa di distribuzione di bevande;

    vice presidente Michele Ciniglio, a.d. della Ciniglio Group.

    I nuovi referenti ACCAN affidano a un comunicato rivolto ai commercianti cittadini l'insieme di obiettivi che intendono perseguire nel prossimo anno sociale.

    Revisione del Piano Traffico, Piano Commercio e iniziative di promozione del territorio tra gli obiettivi del 2015. Un percorso da realizzare necessariamente insieme alle altre organizzazioni di rappresentanza e l'Amministrazione Comunale di Nola. 

  • A Nola il 2015 inizia all'insegna del degrado. I 'pacchi' dell'AICAST regalano alla città un Capodanno al 'polistirolo'.

    NOLA – Un 2015 cominciato all'insegna dell'inquinamento e del degrado urbano. Tutto è partito agli inizi di dicembre dall'associazione di commercianti AICAST, l'associazione di categoria del consigliere comunale candidato del centrosinistra alle scorse amministrative Mariafranca Tripaldi. Durante le scorse festività natalizie, l'AICAST ha appunto proposto al Comune di Nola l'apposizione, per le strade della città di addobbi in polistirolo decorati con vernici e glitter. Peccato però che gli addobbi dell'AICAST, al di là dei giudizi sull'estetica dell'intervento (sui quali ciascuno può avere la propria opinione), sono quasi tutti caduti dai fili su cui erano tesi rompendosi al suolo e seminando polistirolo e 'brillantini' nel centro storico della città. Concepiti con lo scopo di 'abbellire la città', i 'pacchi' dell'AICAST ci hanno 'regalato' il primo danno del 2015 al già degradato centro storico di Nola. Eppure chi scrive aveva avv ...
  • Comunicato ACCAN di decadenza dei dirigenti associativi candidati alle amministrative 2014

    COMUNICATO UFFICIALE SEGRETERIA ACCAN - CONFESERCENTI NOLA Alla fine delle consultazioni dello scorso 25 maggio, si rende doveroso chiarire che l'ACCAN è una associazione APOLITICA e APARTITICA per Statuto. Nonostante la scrivente segreteria abbia fin da dicembre invitato i rappresentanti dell'associazione a non utilizzare il nome e il simbolo della stessa per iniziative di carattere elettorale, l'invito non ha sortito effetti. Colpevolmente, la stessa segreteria non ha sollevato la questione fin'ora per evitare di condizionare in qualsiasi modo la campagna elettorale, pur così venendo meno ai principi fondanti dell'associazione stessa. SI INVITANO i gestori di tutti GLI ACCOUNT, PAGINE E GRUPPI FB a nome ACCAN a cancellare ogni riferimento propagandistico alla campagna elettorale appena terminata. in caso contrario per gli stessi account, pagine e gruppi verrà chiesta la chiusura agli amministratori di fb. SI COMUNICA altre ...

Sostieni AreaNolana.org

Accesso Utenti