Domenica, 15 Settembre 2013 16:29

Nola: Il Sindaco Biancardi Annulla il Piano Urbano Traffico

Vota questo articolo
(0 Voti)

COMUNICATO STAMPA DEL 26 LUGLIO 2013

NOLA – PUT, nuova modifica ai sensi di marcia; con l'ordinanza sindacale n° 32 del 25 luglio 2013 il sindaco Biancardi ripristina, sempre 'in via sperimentale' fino al 30 settembre 2013, gran parte dei sensi di marcia introdotti con l'avvio della 'sperimentazione del PUT' nell'agosto del 2012.

L'ACCAN – Confesercenti, di fronte a questa sostanziale 'marcia indietro' del Sindaco Biancardi che per un anno intero ha reagito alle istanze, petizioni e proteste della associazione, ribadendo sostanzialmente che i sensi di marcia non sarebbero stati modificati, affida a un comunicato le proprie considerazioni sulla vicenda.

L'ordinanza 'sperimentale' del sindaco Biancardi – dichiarano i commercianti dell'ACCAN di fatto ripristina i vecchi sensi di marcia, modificati nell'ambito della 'sperimentazione' del PUT dall'agosto 2012. È palese che la decisione del sindaco riflette le condizioni di inapplicabilità del PUT affermata e ribadita dall'Associazione ACCAN fin dall'avvio del primo dispositivo.

La nostra associazione, al di là dei tentativi del sindaco di mascherare la presa d'atto del fallimento di un dispositivo pianificato male e attuato peggio, non può in ogni caso considerarsi soddisfatta dalla situazione.

Per un anno intero, tra l'indifferenza di gran parte dei cittadini e gli sberleffi degli esponenti dell'amministrazione comunale di Nola, l'ACCAN ha sostenuto con forza le proprie motivazioni, giungendo alla fine a costringere il sindaco Biancardi a riconoscere l'assurdità del dispositivo di circolazione.

Gli 'incontri con le associazioni di categoria' citati nell'ordinanza sindacale si sono realizzati non certo per volontà dell'amministrazione ma a seguito di mesi di proteste da parte dell'ACCAN, insieme a pochi commercianti e cittadini di Nola.

Solo la nostra associazione ha sostenuto, con serie argomentazioni, l'obbligo di concertazione sulle proposte di pianificazione territoriale e solo grazie a una decisa e continuata azione di rivendicazione democratica siamo riusciti ad ottenere prima la discussione, poi l'annullamento de facto del PUT.

Ci preme ricordare che, nelle sedute di concertazione, solo l'ACCAN contestava nel merito il dispositivo del PUT, mentre tutte le altre associazioni hanno da sempre pubblicamente appoggiato le decisioni dell'amministrazione comunale.

Nonostante oggi vediamo riconosciute quasi tutte le nostre istanze, – continua il comunicato dell'ACCAN – non possiamo dirci soddisfatti.

Non possiamo che rilevare come una questione che riguardava il benessere dei cittadini e la condizione economica di commercianti e professionisti del centro cittadino, sia stata per un anno ridotta a mera questione politica con da una parte l'ACCAN, accusata di porre questioni infondate per ragioni di carattere elettorale, e dall'altra l'amministrazione comunale e le molte associazioni (queste sì) politicamente ad essa vicine la cui unica preoccupazione era di non 'far fare brutta figura al sindaco Biancardi'.

In quale altro modo si può spiegare l'ostinazione con cui l'amministrazione e le associazioni ad essa vicine hanno difeso la sperimentazione del PUT fino a pochi giorni fa per poi effettuare 'in sordina' la marcia indietro sull'intero dispositivo.

Non possiamo dirci soddisfatti! – conclude il comunicato dell'ACCAN – perché se negli ultimi dodici mesi, invece di preoccuparsi di difendere il principio di autoreferenzialità dei nostri governanti, azione compiuta per semplici fini politici dall'amministrazione e dalle associazioni ad essa vicine, ci si fosse preoccupati della condizione di reale disagio causata dal PUT, si sarebbero evitati i danni rilevanti che il PUT ha arrecato all'economia della città.

L'esperienza avuta nell'ultimo anno dovrebbe convincere sempre più cittadini, operatori economici e compagini associative che solo attraverso la partecipazione democratica e la lotta quotidiana per l'affermazione del principio che gli amministratori locali devono rendere conto alla comunità sulle loro scelte di governo del territorio si può' riuscire ad arginare la crisi profonda in cui versa la nostra città. L'ACCAN già da settembre sarà di nuovo in prima linea per affermare tali principi. Augurandosi di trovare maggiore riscontro nella comunità locale.”

Devi effettuare il login per inviare commenti
Joomla SEF URLs by Artio

Articoli Correlati

  • Giugno Nolano 2015. Il Consigliere MariaFranca Tripaldi chiede la verifica della regolarità degli atti della Fondazione Festa dei Gigli.

    NOLA - Si estende la polemica sui presunti danni erariali e sulle irregolarità amministrative nella organizzazione del programma per la Festa dei Gigli 2015. Il consigliere MariaFranca Tripaldi ha presentato una interrogazione al Presidente della Fondazione Festa dei Gigli Raffaele Soprano, al sindaco Biancardi e all'assessore ai beni culturali Cinzia Trinchese, nella quale chiede che siano resi pubblici i particolari dei procedimenti amministrativi che hanno portato alla organizzazione degli eventi del giugno nolano 2015, dalla individuazione dei soggetti partner ai permessi, autorizzazioni e oneri previsti da legge per lo svolgimento delle manifestazioni. Il caso, sollevato dall'ACCAN riguardo allo Street Food Festival in villa comunale, sull'assenza di permessi, autorizzazioni e soprattutto di oneri a carico dei ristoratori partecipanti - con un palese arricchimento di privati non operanti nel territorio comunale a scapito dell'ente comune e dei ristoratori local ...
  • L'ACCAN contesta al Comune di Nola lo Street Food Festival. Ristoratori in rivolta nella Città dei Gigli.

    NOLA – l'ACCAN, Associazione Civica Commercianti dell'Area Nolana, interviene a fianco dei ristoratori nolani per la vicenda dello 'Street Food Festival' previsto dal 20 giugno al 03 luglio 2015 presso la Villa Comunale. “L'ACCAN tramite il proprio presidente Antonio Piccolo, contesta all'Amministrazione Comunale di Nola la decisione di concedere 'a gratis' la Villa Comunale di Nola, tra l'altro chiusa da mesi e ancora sotto tutela dalla Soprintendenza per la questione degli alberi secolari e monumentali che il sindaco Biancardi vuole abbattere, a imprese private del settore ristorazione non operanti a Nola. Una procedura, dichiara il presidente ACCAN, avvenuta senza alcuna forma di concertazione con le associazioni di categoria e senza una procedura pubblica per l'individuazione delle imprese partecipanti. Una concessione di un'area pubblica importante quale la Villa Comunale di Nola senza il pagamento di alcun onere da parte degli operatori e con la spo ...
  • Riparte l'attività dell'ACCAN Confesercenti. Nominato il nuovo direttivo con l'obiettivo di realizzare la proposta di Piano Commercio Comunale.

    NOLA – riparte l'attività associativa dell'ACCAN – Associazione Civica Commercianti dell'Area Nolana aderente Confesercenti.

    Nominato presidente uno dei fondatori dell'ACCAN:

    Antonio Piccolo, titolare della omonima impresa di distribuzione di bevande;

    vice presidente Michele Ciniglio, a.d. della Ciniglio Group.

    I nuovi referenti ACCAN affidano a un comunicato rivolto ai commercianti cittadini l'insieme di obiettivi che intendono perseguire nel prossimo anno sociale.

    Revisione del Piano Traffico, Piano Commercio e iniziative di promozione del territorio tra gli obiettivi del 2015. Un percorso da realizzare necessariamente insieme alle altre organizzazioni di rappresentanza e l'Amministrazione Comunale di Nola. 

  • A Nola il 2015 inizia all'insegna del degrado. I 'pacchi' dell'AICAST regalano alla città un Capodanno al 'polistirolo'.

    NOLA – Un 2015 cominciato all'insegna dell'inquinamento e del degrado urbano. Tutto è partito agli inizi di dicembre dall'associazione di commercianti AICAST, l'associazione di categoria del consigliere comunale candidato del centrosinistra alle scorse amministrative Mariafranca Tripaldi. Durante le scorse festività natalizie, l'AICAST ha appunto proposto al Comune di Nola l'apposizione, per le strade della città di addobbi in polistirolo decorati con vernici e glitter. Peccato però che gli addobbi dell'AICAST, al di là dei giudizi sull'estetica dell'intervento (sui quali ciascuno può avere la propria opinione), sono quasi tutti caduti dai fili su cui erano tesi rompendosi al suolo e seminando polistirolo e 'brillantini' nel centro storico della città. Concepiti con lo scopo di 'abbellire la città', i 'pacchi' dell'AICAST ci hanno 'regalato' il primo danno del 2015 al già degradato centro storico di Nola. Eppure chi scrive aveva avv ...
  • Comunicato ACCAN di decadenza dei dirigenti associativi candidati alle amministrative 2014

    COMUNICATO UFFICIALE SEGRETERIA ACCAN - CONFESERCENTI NOLA Alla fine delle consultazioni dello scorso 25 maggio, si rende doveroso chiarire che l'ACCAN è una associazione APOLITICA e APARTITICA per Statuto. Nonostante la scrivente segreteria abbia fin da dicembre invitato i rappresentanti dell'associazione a non utilizzare il nome e il simbolo della stessa per iniziative di carattere elettorale, l'invito non ha sortito effetti. Colpevolmente, la stessa segreteria non ha sollevato la questione fin'ora per evitare di condizionare in qualsiasi modo la campagna elettorale, pur così venendo meno ai principi fondanti dell'associazione stessa. SI INVITANO i gestori di tutti GLI ACCOUNT, PAGINE E GRUPPI FB a nome ACCAN a cancellare ogni riferimento propagandistico alla campagna elettorale appena terminata. in caso contrario per gli stessi account, pagine e gruppi verrà chiesta la chiusura agli amministratori di fb. SI COMUNICA altre ...

Sostieni AreaNolana.org

Accesso Utenti