Mercoledì, 07 Gennaio 2015 13:37

A Nola il 2015 inizia all'insegna del degrado. I 'pacchi' dell'AICAST regalano alla città un Capodanno al 'polistirolo'.

Vota questo articolo
(1 Vota)
A Nola il 2015 inizia all'insegna del degrado. I 'pacchi' dell'AICAST regalano alla città un Capodanno al 'polistirolo'.

NOLA – Un 2015 cominciato all'insegna dell'inquinamento e del degrado urbano.

Tutto è partito agli inizi di dicembre dall'associazione di commercianti AICAST, l'associazione di categoria del consigliere comunale candidato del centrosinistra alle scorse amministrative Mariafranca Tripaldi.

Durante le scorse festività natalizie, l'AICAST ha appunto proposto al Comune di Nola l'apposizione, per le strade della città di addobbi in polistirolo decorati con vernici e glitter.

Peccato però che gli addobbi dell'AICAST, al di là dei giudizi sull'estetica dell'intervento (sui quali ciascuno può avere la propria opinione), sono quasi tutti caduti dai fili su cui erano tesi rompendosi al suolo e seminando polistirolo e 'brillantini' nel centro storico della città.

Concepiti con lo scopo di 'abbellire la città', i 'pacchi' dell'AICAST ci hanno 'regalato' il primo danno del 2015 al già degradato centro storico di Nola.

Eppure chi scrive aveva avvertito l'AICAST e l'assessorato alle attività produttive del Comune di Nola che i 'pacchi' avrebbero sicuramente creato inquinamento e degrado.

A inizio dicembre 2014 si tenne una riunione delle associazioni di categoria presso l'assessorato alle Attività Produttive e chi scrive, in rappresentanza dell'ACCAN, ricordò all'assessore e ai rappresentati dell'AICAST che avevano proposto 'i pacchi' che il polistirolo, oltre che di dubbio gusto come addobbo, aveva già causato problemi di inquinamento e degrado al centro storico negli anni precedenti. Inutile dire che i moniti derivanti dalle esperienze precedenti non siano serviti a nulla.

Alle osservazioni che, a nome dell'ACCAN ponemmo in riunione, i referenti dell'AICAST ribadirono che il rischio inquinamento non c'era.

Tanto bastò all'assessore Carmela De Stefano per consentirne l'apposizione.

Eppure sarebbe bastato un minimo di buon senso e di 'memoria storica'. Nola, infatti, non è nuova agli 'obbrobri' in polistirolo utilizzati come addobbi di Natale.

Già negli anni dal 2009 al 2011 l'allora assessore ai beni e attività culturali del Comune di Nola Mariagrazia De Lucia aveva riempito il centro storico di 'sculture' di polistirolo che, puntualmente, si sgretolavano seminando inquinanti nel 'salotto buono della città' e contaminando la villa comunale e le altre aree a verde del centro storico.

Nel 2012 si riuscì a impedire l'ulteriore presenza nella città della cartapesta di 'obbrobri' natalizi in polistirolo grazie a una denuncia pubblica di Legambiente Parco del Vesuvio (a opera di chi scrive) dopo che il polistirolo aveva pesantemente inquinato la villa comunale.

(IL LINK ALLA DENUNCIA SUL POLISTIROLO IN VILLA COMUNALE A NOLA)

Nel 2015, dopo due anni di 'buon senso' manifestato dall'amministrazione comunale, ci hanno pensato i soci dell'AICAST a riproporre un intervento che certamente non ha giovato all'ambiente e alla vivibilità del centro storico.

AreaNolana.org approfitta per invitare pubblicamente l'amministrazione comunale di Nola a bandire definitivamente qualsiasi 'addobbo' in polistirolo dalla città di Nola e di sanzionare come previsto da legge chi disperde materiali inquinanti, come il polistirolo, appunto, nelle strade della città.

Ciò sia per rispetto alle tradizioni artigiane legate al patrimonio immateriale UNESCO delle macchine a spalla sia per evitare ulteriori fattori di inquinamento e di degrado in una città che certo non brilla per la vivibilità urbana.

Devi effettuare il login per inviare commenti
Joomla SEF URLs by Artio

Articoli Correlati

  • Giugno Nolano 2015. Il Consigliere MariaFranca Tripaldi chiede la verifica della regolarità degli atti della Fondazione Festa dei Gigli.

    NOLA - Si estende la polemica sui presunti danni erariali e sulle irregolarità amministrative nella organizzazione del programma per la Festa dei Gigli 2015. Il consigliere MariaFranca Tripaldi ha presentato una interrogazione al Presidente della Fondazione Festa dei Gigli Raffaele Soprano, al sindaco Biancardi e all'assessore ai beni culturali Cinzia Trinchese, nella quale chiede che siano resi pubblici i particolari dei procedimenti amministrativi che hanno portato alla organizzazione degli eventi del giugno nolano 2015, dalla individuazione dei soggetti partner ai permessi, autorizzazioni e oneri previsti da legge per lo svolgimento delle manifestazioni. Il caso, sollevato dall'ACCAN riguardo allo Street Food Festival in villa comunale, sull'assenza di permessi, autorizzazioni e soprattutto di oneri a carico dei ristoratori partecipanti - con un palese arricchimento di privati non operanti nel territorio comunale a scapito dell'ente comune e dei ristoratori local ...
  • L'ACCAN contesta al Comune di Nola lo Street Food Festival. Ristoratori in rivolta nella Città dei Gigli.

    NOLA – l'ACCAN, Associazione Civica Commercianti dell'Area Nolana, interviene a fianco dei ristoratori nolani per la vicenda dello 'Street Food Festival' previsto dal 20 giugno al 03 luglio 2015 presso la Villa Comunale. “L'ACCAN tramite il proprio presidente Antonio Piccolo, contesta all'Amministrazione Comunale di Nola la decisione di concedere 'a gratis' la Villa Comunale di Nola, tra l'altro chiusa da mesi e ancora sotto tutela dalla Soprintendenza per la questione degli alberi secolari e monumentali che il sindaco Biancardi vuole abbattere, a imprese private del settore ristorazione non operanti a Nola. Una procedura, dichiara il presidente ACCAN, avvenuta senza alcuna forma di concertazione con le associazioni di categoria e senza una procedura pubblica per l'individuazione delle imprese partecipanti. Una concessione di un'area pubblica importante quale la Villa Comunale di Nola senza il pagamento di alcun onere da parte degli operatori e con la spo ...
  • Riparte l'attività dell'ACCAN Confesercenti. Nominato il nuovo direttivo con l'obiettivo di realizzare la proposta di Piano Commercio Comunale.

    NOLA – riparte l'attività associativa dell'ACCAN – Associazione Civica Commercianti dell'Area Nolana aderente Confesercenti.

    Nominato presidente uno dei fondatori dell'ACCAN:

    Antonio Piccolo, titolare della omonima impresa di distribuzione di bevande;

    vice presidente Michele Ciniglio, a.d. della Ciniglio Group.

    I nuovi referenti ACCAN affidano a un comunicato rivolto ai commercianti cittadini l'insieme di obiettivi che intendono perseguire nel prossimo anno sociale.

    Revisione del Piano Traffico, Piano Commercio e iniziative di promozione del territorio tra gli obiettivi del 2015. Un percorso da realizzare necessariamente insieme alle altre organizzazioni di rappresentanza e l'Amministrazione Comunale di Nola. 

  • Comunicato ACCAN di decadenza dei dirigenti associativi candidati alle amministrative 2014

    COMUNICATO UFFICIALE SEGRETERIA ACCAN - CONFESERCENTI NOLA Alla fine delle consultazioni dello scorso 25 maggio, si rende doveroso chiarire che l'ACCAN è una associazione APOLITICA e APARTITICA per Statuto. Nonostante la scrivente segreteria abbia fin da dicembre invitato i rappresentanti dell'associazione a non utilizzare il nome e il simbolo della stessa per iniziative di carattere elettorale, l'invito non ha sortito effetti. Colpevolmente, la stessa segreteria non ha sollevato la questione fin'ora per evitare di condizionare in qualsiasi modo la campagna elettorale, pur così venendo meno ai principi fondanti dell'associazione stessa. SI INVITANO i gestori di tutti GLI ACCOUNT, PAGINE E GRUPPI FB a nome ACCAN a cancellare ogni riferimento propagandistico alla campagna elettorale appena terminata. in caso contrario per gli stessi account, pagine e gruppi verrà chiesta la chiusura agli amministratori di fb. SI COMUNICA altre ...
  • CAOS Cartelle TARES al Comune di Nola – Ennesima prova della incapacità dell'amministrazione comunale.

    CAOS Cartelle TARES al Comune di Nola – Ennesima prova della incapacità dell'amministrazione comunale.

    Mariafranca TRIPALDI, candidata alle Primarie del prossimo 9 marzo, interviene sulla questione 'cartelle pazze' del Comune.

    “Continua l'approssimazione della gestione macchina comunale a Nola.

    L'amministrazione deve scusarsi con i cittadini per i disagi a cui li sta sottoponendo per gli errori contenuti nelle cartelle esattoriali. Solo una ulteriore proroga al pagamento dell'imposta sarebbe funzionale a gestire correttamente le procedure di rettifica delle cartelle.

Sostieni AreaNolana.org

Accesso Utenti