Lunedì, 16 Settembre 2013 07:54

L'Inquinamento Mafioso negli Appalti e Opere Pubbliche

Vota questo articolo
(0 Voti)

Dalla Relazione Annuale Commissione Parlamentare Antimafia - 2003

Si riporta, nel presente articolo, uno stralcio della Relazione Annuale della Commissione Parlamentare Antimafia dell'Anno 2003 relativa all'Inquinamento Mafioso negli Appalti e Opere Pubbliche.

 

"È noto che le associazioni criminali di stampo mafioso tendono a perseguire, sia pure a diversificati livelli, l’obiettivo strategico del controllo dell’economia, il cui necessario presupposto è l’infiltrazione delle istituzioni locali e delle realtà produttive: l’assoggettamento del tessuto produttivo ed il condizionamento delle attività politico-amministrative sono, forse, i pilastri più virulenti e pericolosi di tutto quel sistema integrato di attività criminali, che l’art. 416-bis c.p. riferisce alla dinamica operativa mafiosa.

L’arricchimento illegale, che consegue all’inquinamento degli appalti, viene poi riversato in rivoli diversi o collaterali, taluni anche legali, il cui effetto negativo principale non consiste nell’arricchimento della compagine criminale, ma nella distruzione progressiva di un tessuto economico sano, che viene alterato e vulnerato nei suoi meccanismi fisiologici dalla presenza di realtà imprenditoriali mafiose, connotate da un ruolo predatorio, che incide profondamente nelle logiche di concorrenza del libero mercato.

L’elevata specializzazione e il forte interesse dei gruppi mafiosi tradizionali in questo settore costituiscono motivi di elevato allarme, in quanto non solo sono indici di nuove strategie criminali, ma, in un sistema di globalizzazione dell’economia, costituiscono una leva prodromica all’ingresso di strutture mafiose nei mercati italiani ed europei, qualora non si raggiunga una razionale integrazione degli schemi istituzionali di regolamentazione normativa e di controllo amministrativo ed investigativo.

Nell’inquinamento delle piccole e grandi opere pubbliche, le organizzazioni criminali hanno trovato un settore di dispiegamento di nuove strategie a bassa intensità, con la finalità di sottrarsi all’attenzione investigativa: le linee guida di questa azione sono sintetizzabili nella ricerca di un costante basso profilo di esposizione e nell’uso relativamente contenuto di mezzi di intimidazione violenta.

Può affermarsi, secondo le leggi classiche dell’etologia parassitaria, che si procede verso uno stadio di convivenza tra società civile e società criminale, caratterizzato dall’uso minimale della forza e la ricerca prioritaria del consenso: in questa situazione simbiotica, vittima ed aggressore tendono a raggiungere un equilibrio di fondo, nel quale ambedue scoprono notevoli vantaggi reciproci, che scaturiscono dall’assenza di scontro e dalla condivisione di obiettivi remunerativi.

Si profila, dunque, una crescente ricerca di meccanismi di legalizzazione delle attività economiche mafiose, con la crescita della figura di imprenditore mafioso e con la tendenza da parte degli operatori economici a ricorrere spontaneamente alla criminalità organizzata, che viene vista come un’inevitabile, ma anche utile, leva di semplificazione nel perseguimento di fini imprenditoriali.

La tematica presa in esame dalla Commissione riguarda tutti i pubblici appalti, ma, sebbene siano stati accertati casi di infiltrazione criminale negli appalti di servizi, essa tocca principalmente gli appalti di opere, che hanno costituito e costituiscono, per il loro ruolo di asse portante nelle politiche di sviluppo, una fonte privilegiata di arricchimento: e` bene segnalare che gli investimenti previsti dalla legge n. 443 del 2001, la c.d. «Legge Obiettivo», costituiscono, a tutta evidenza, il problema centrale, in ragione della movimentazione di notevoli appetiti criminali in aree sensibili, avverso ai quali deve logicamente contrapporsi un’articolata opera di contrasto, massimamente in sede preventiva."

Devi effettuare il login per inviare commenti
Joomla SEF URLs by Artio

Articoli Correlati

  • Dopo l'Arresto dei fratelli Russo resta ancora da Stroncare il Sistema Politico-Mafioso

    Dopo L'ARRESTO dei FRATELLI RUSSO resta un altro passo per liberare l'Area Nolana dalla Criminalità Organizzata:

    STRONCARE IL SISTEMA POLICO/MAFIOSO.

    Pubblichiamo un articolo scritto dal prof. Amato Lamberti, fondatore dell'Osservatorio sulla Camorra nel quale, unico tra le fonti giornalistiche, individua nell'area nolana la necessità di colpire le infiltrazioni mafiose all'interno degli Enti Locali e nel mondo imprenditoriale. Solo in tale modo si potrà dire che nell'Area Nolana si è effettivamente stroncato il fenomeno della Criminalità Organizzata.

  • Come Vincere la Battaglia Contro la Corruzione?

    La Corruzione negli enti pubblici.

    Un reato difficile da individuare e da punire, sia per l’omertà che lo circonda sia per le carenze legislative e la depenalizzazione.

    Come vincere la battaglia contro la corruzione? Articolo di Pier Camillo Davigo pubblicato su Narcomafie nell'ambito della campagna di Libera, Nomi e numeri contro le Mafie, per la ratifica della Convenzione Europea contro la Corruzione.

  • Trasparenza della Pubblica Amministrazione e Cultura della Legalità

    Lo Studio sulla trasperenza della Pubblica Amministrazione, commissionato dalla Presidenza della Commissione Parlamentare d'Inchiesta sulla Criminalità Organizzata, rappresenta un quadro (elaborato con le metodologie degli studi di mercato e attraverso analisi statistiche) che lo stesso Censis così riassume: "La presenza della criminalità organizzata, contrassegnata da una strategia di silenziosa mimetizzazione con il tessuto sociale ed economico, e da una grande capacità di trasformazione e di innovazione dei modelli operativi, condiziona pesantemente la vita di una parte significativa della popolazione e ne limita le possibilità di sviluppo economico e sociale.

Sostieni AreaNolana.org

Accesso Utenti