Lunedì, 16 Settembre 2013 08:20

Dopo l'Arresto dei fratelli Russo resta ancora da Stroncare il Sistema Politico-Mafioso

Vota questo articolo
(0 Voti)

Dopo L'ARRESTO dei FRATELLI RUSSO resta un altro passo per liberare l'Area Nolana dalla Criminalità Organizzata:

STRONCARE IL SISTEMA POLICO/MAFIOSO.

Pubblichiamo un articolo scritto dal prof. Amato Lamberti, fondatore dell'Osservatorio sulla Camorra nel quale, unico tra le fonti giornalistiche, individua nell'area nolana la necessità di colpire le infiltrazioni mafiose all'interno degli Enti Locali e nel mondo imprenditoriale. Solo in tale modo si potrà dire che nell'Area Nolana si è effettivamente stroncato il fenomeno della Criminalità Organizzata.

 

Articolo Tre, da diversi anni, sta denunciando proprio il fatto che la Camorra nel nolano è ormai rappresentata da "camorristi di seconda o terza generazione": professionisti, imprenditori, membri della cosiddetta "società civile" che giungono a diventare alti funzionari degli Enti Locali, politici, rappresentanti degli Ordini Professionali, docenti universitari.

Il fenomeno di condizionamento e di controllo del territorio nel nolano si esplicano ormai attraverso gli organi dello Stato e solo effettuando una decisa azione di contrasto alle infiltrazioni criminali negli Enti Locali si potrà ottenere la liberazione delle popolazioni dell'area nolana dal giogo cammorristico.

Tale battaglia non può e non deve essere demandata unicamente agli organi inquirenti (Magistratura e forze dell'Ordine) ma deve sapersi trasformare in una battaglia civile e democratica che abbia come protagonisti tutti gli strati della società.

Articolo Tre è nato appunto per questo: mettere in rete le realtà sindacali e associative già impegnate nella lotta alla corruzione (soprattutto "contro" gli Enti Locali del nolano) in modo da diffondere sempre più la cultura della legalità e dei diritti democratici.

Bisogna però dire che, al momento, il livello di consenso sociale del sistema criminale nell'area nolana è elevatissimo.

La battaglia per la legalità e i diritti democratici nell'Area Nolana è tutt'altro che vicina alla vittoria...

Nola, 04/11/2009, l'arresto del boss Russo: I Russo avevano sotto schiaffo l’intera area nolana. Controllavano non solo le attività economiche ma soprattutto le amministrazioni comunali. Ora, sono molte le persone che staranno tremando. di Amato Lamberti.

"L’arresto di Salvatore e Pasquale Russo ha segnato una importante vittoria dello Stato contro il potere di una organizzazione criminale che era stata capace di mettere sotto controllo malavitoso un intero territorio.

Ad essere controllate dal clan Russo non erano soltanto le attività economiche ma soprattutto le amministrazioni comunali dell’intera area nolana e con esse tutte le opportunità di vita e le speranze di futuro dei cittadini.

In pratica chi voleva fare impresa non solo doveva soggiacere alle richieste estorsive del clan ma si doveva in qualche modo associare per partecipare alla spartizione degli appalti pubblici egemonizzati dal clan attraverso il controllo di amministratori, dirigenti, funzionari di Comuni ed Enti pubblici.

Una fittissima ragnatela di complicità e di collusioni da anni è stesa sul territorio nolano e comprende politici, amministratori, imprenditori, rappresentanti dello Stato, liberi professionisti, oltre a dirigenti e impiegati pubblici.

In alcuni Comuni, come ho più volte scritto, non si muoveva foglia senza il benestare e la partecipazione del clan criminale dei Russo.

Anche quando il potere criminale sembrava tutto nelle mani di Carmine Alfieri, i Russo avevano una autonomia che permetteva enormi accumulazioni di denaro perché si giocava sull’acquisto di terreni e su rapidissime varianti urbanistiche che trasformavano terreni agricoli in aree edificabili.

Compravano a dieci terreni incolti e rivendevano a dieci milioni appartamenti e palazzi di cinque-sette piani, senza neppure farsi carico degli oneri di urbanizzazione, tanto a sanare le situazioni provvedevano politici e amministratori interessati e compiacenti.

Oggi, dopo gli arresti di Salvatore e Pasquale Russo, sono molte le persone che staranno tremando avendo perso la copertura che garantiva incolumità alle loro malefatte amministrative e gestionali.

L’azione della magistratura non dovrebbe infatti fermarsi all’arresto dei capi di uno dei clan più pericolosi perché profondamente innervato nell’economia e nella politica del circondario nolano. Dopo gli arresti si dovrebbe passare al recupero dei beni accumulati con l’attività criminale e al portare alla luce la ragnatela di collusioni e compartecipazioni che ha divorato gli appalti pubblici ma anche tutte le opportunità che passano attraverso le pubbliche amministrazioni, dai Comuni, alle ASL, agli ospedali, fino agli Enti, alle Agenzie territoriali e alle cliniche private.

Già beni per 300 milioni di euro sono stati confiscati ai Russo, ma il patrimonio accumulato, come ben sanno i cittadini del nolano, è molto più ingente perché è fatto anche di imprese, società, cooperative, in compartecipazione con altri soggetti che hanno costruito le loro fortune grazie al sostegno politico e amministrativo del clan criminale.

Ma i Russo non avrebbero mai potuto realizzare una tale signoria criminale sul territorio senza un adeguato sostegno politico a livello locale, provinciale, regionale e nazionale.

Questi 'perversi legami' vanno portati finalmente alla luce se si vogliono realmente sconfiggere i poteri criminali che strozzano il presente e il futuro delle comunità nolane.

Non lo si è fatto dopo l’arresto di Carmine Alfieri, consentendo ai gruppi criminali che agivano sotto il suo controllo di diventare clan autonomi con ancora maggiore potere di penetrazione e di condizionamento; non vorremmo cha anche questa volta ci si accontentasse della vittoria in una battaglia e si perdesse la guerra contro la camorra perché non si è puntato sulla disarticolazione della rete di collegamenti che ne assicurava forza e potere.

Senza collegamenti con la politica, con le pubbliche amministrazioni, con il mondo imprenditoriale, con le istituzioni, con i poteri finanziari, la camorra non ha nessun potere: è ridotta ad una associazione di malfattori, come si diceva una volta, capace di commettere reati ma non di controllare e governare un territorio.

La nostra speranza è che la politica non fermi ancora una volta l’avvio di quella guerra di liberazione del territorio dalla camorra che i cittadini 'onesti' aspettano da sempre."

Devi effettuare il login per inviare commenti
Joomla SEF URLs by Artio

Articoli Correlati

  • Come Vincere la Battaglia Contro la Corruzione?

    La Corruzione negli enti pubblici.

    Un reato difficile da individuare e da punire, sia per l’omertà che lo circonda sia per le carenze legislative e la depenalizzazione.

    Come vincere la battaglia contro la corruzione? Articolo di Pier Camillo Davigo pubblicato su Narcomafie nell'ambito della campagna di Libera, Nomi e numeri contro le Mafie, per la ratifica della Convenzione Europea contro la Corruzione.

  • Trasparenza della Pubblica Amministrazione e Cultura della Legalità

    Lo Studio sulla trasperenza della Pubblica Amministrazione, commissionato dalla Presidenza della Commissione Parlamentare d'Inchiesta sulla Criminalità Organizzata, rappresenta un quadro (elaborato con le metodologie degli studi di mercato e attraverso analisi statistiche) che lo stesso Censis così riassume: "La presenza della criminalità organizzata, contrassegnata da una strategia di silenziosa mimetizzazione con il tessuto sociale ed economico, e da una grande capacità di trasformazione e di innovazione dei modelli operativi, condiziona pesantemente la vita di una parte significativa della popolazione e ne limita le possibilità di sviluppo economico e sociale.

  • L'Inquinamento Mafioso negli Appalti e Opere Pubbliche

    Dalla Relazione Annuale Commissione Parlamentare Antimafia - 2003

    Si riporta, nel presente articolo, uno stralcio della Relazione Annuale della Commissione Parlamentare Antimafia dell'Anno 2003 relativa all'Inquinamento Mafioso negli Appalti e Opere Pubbliche.

Sostieni AreaNolana.org

Accesso Utenti