Venerdì, 11 Aprile 2014 12:21

Cimitero di Nola: Una Discarica a Cielo Aperto. La Denuncia di RIFIUTARSI

Vota questo articolo
(0 Voti)
Cimitero di Nola: Una Discarica a Cielo Aperto. La Denuncia di RIFIUTARSI

CIMITERO DI NOLA, UNA DISCARICA A CIELO APERTO

Da ottobre ad oggi il tema Terra dei Fuochi è arrivato alla ribalta nazionale.

Il processo di presa di coscienza del reale sta generando poco a poco una grande e nuova sensibilità ambientale nella popolazione campana, ma sta accadendo lo stesso anche nelle istituzioni ? Se consideriamo quello che sta accadendo a Nola, sembrerebbe proprio di no.

Da diversi mesi nel parcheggio nel cimitero comunale è possibile ammirare l’ennesima discarica illegale dell’Agro Nolano, discarica creata appositamente dal Comune di Nola.

 La breve cronistoria è presto fatta. Ad inizio ottobre cominciano i lavori di pulizia degli alvei dei Regi Lagni circostanti il cimitero di Nola. Il 3 ottobre 2013 il Sindaco di Nola Geremia Biancardi, attraverso un'ordinanza, stabilisce che i rifiuti rimossi dal lagno devono essere “momentaneamente” collocati nel parcheggio del cimitero. Il 22 ottobre l’amministrazione comunale affida alla ditta ATR SRL di Acerra l'incarico di smaltire i rifiuti per la somma di 14.200,00 euro.

Ad oggi la bonifica non solo non è stata effettuata, ma inoltre - come spesso avviene nelle nostre zone - la misura d’emergenza da provvisoria si sta trasformando in definitiva. Senza dimenticare che nel frattempo idioti e i delinquenti ne stanno approfittando per scaricare ogni sorta di rifiuto.

In questi giorni siamo stati sul luogo per constatare lo stato della bonifica e, come è possibile vedere dalle foto, ci troviamo di fronte l’ennesimo bazar della monnezza. Si va dai classici rifiuti urbani a degli imbarazzanti rifiuti differenziati, per finire con diversi rifiuti speciali ed ingombranti.

Nello specifico parliamo di talquale, decine di buste in tetrapak, chili di rifiuti cimiteriali, decine e decine di bottiglie di plastica e di vetro, televisori, tubi elettrici, prodotti chimici e pericolosi per uso agricolo, pneumatici e addirittura un frigorifero incastrato nel terreno (evidentemente tirato fuori dal lagno e depositato proprio dagli addetti ai lavori del comune).

Infine, si segnala la presenza di resti di roghi tossici. Già ad ottobre il gruppo d’opposizione consiliare Città Viva aveva segnalato all’amministrazione comunale la presenza della discarica illegale.

Ad oggi - nonostante siano passati già 6 mesi - il comune non ha né risposto, né tanto meno dato indicazioni sulla tempistica della misura provvisoria.

Chiediamo dunque: quando saranno ripristinati i luoghi nelle loro condizioni iniziali?

Chi vigilerà affinché i criminali non brucino i rifiuti accumulati mettendo a rischio la salute delle persone che vivono nelle abitazioni circostanti?

Che fine hanno fatto i quasi 14.200,00 euro stanziati per la bonifica?

Ecco le foto dell’ennesimo scempio ambientale : http://goo.gl/UzsaBK

Devi effettuare il login per inviare commenti
Joomla SEF URLs by Artio

Articoli Correlati

  • Inquinamento da Polveri Sottili a Nola. Legambiente e Forum Ambiente: Dati Preoccupanti

    Un'indagine indipendente per monitorare la qualità dell'aria in una città dove le istituzioni non danno risposte e che non ha nemmeno una centralina per il rilevamento delle polveri sottili. E' la sfida lanciata dal circolo Legambiente "La Cicala" di Nola e dal Forum Ambiente Area Nolana, con le prime rilevazioni eseguite attraverso una centralina mobile venerdì 11 marzo, tra le ore 12 e le 15.

  • Caso villa Comunale di Nola. Il sindaco Biancardi deciso ad abbattere. I cittadini: Tagli illegittimi. Previste nuove azioni per fermare le motoseghe.

    NOLA - Continua la campagna di 'resistenza' di cittadini e associazioni ai tentativi dell'amministrazione comunale di Nola di abbattere gli alberi secolari e monumentali della villa comunale di Nola. A seguito del cedimento di un arbusto in villa alcuni giorni fa, il sindaco Biancardi annunciava gli immediati abbattimenti. Nonostante si sia ancora in attesa dell'esito della controperizia civica affidata al dott. Andrea Maroè, commissionata da alcune associazioni e dagli attivisti del Movimento 5 Stelle di Nola. Ciò che più indigna cittadini e associazioni è il fatto che in quasi un anno l'ente comune di Nola non abbia effettuato alcun intervento di messa in sicurezza degli alberi della villa. L'impressione generale è che, dopo una chiusura che si protrae da mesi in assenza di cure agli alberi, oggi il sindaco Biancardi abbia interesse ad aprire la villa comunale più per consentire manifestazioni private già calendarizzate che per tutelare efficacemente ...
  • Alberi malati di Nola. Il comunicato del Forum Ambiente Area Nolana.

    A seguito della conferenza stampa nella quale il sindaco di Nola ha annunciato la distruzione della maggior parte degli alberi secolari protetti della villa comunale e del cimitero, il Forum Ambiente Area Nolana ha emesso un proprio comunicato sulla vicenda.

    Molti sono gli aspetti poco chiari dell'iter burocratico che ha portato alla formazione della perizia commissionata non dal Comune ma dal Vivaio Marrone, gestore del servizio di manutenzione del verde del Comune di Nola.

    Tali anomalie amminsitrative, nonché il fatto che la villa comunale rappresenta un'area protetta vincolata per la quale Biancardi non può disporre alcun abbattimento senza ottenere prima il parere degli organi competenti, non sono state rilevate dal comunicato del Forum Ambiente Area Nolana che non pone alcun dubbio sugli esiti degli accertamenti disposti da vivaio Marrone.

    Ecco il testo del comunicato del forum.

  • Regi Lagni tra San Vitaliano e Nola: Terra di Nessuno. La Denuncia di RIFIUTARSI

    REGI LAGNI TRA SAN VITALIANO E NOLA, TERRA DI NESSUNO

    Mobilitazione di vip nazionali, reportage di giornali e tv, incontri istituzionali con ministri in parrocchia, decreti legge fatti in fretta e furia e analisi sui terreni sbattute in prima pagina.

    Questi sono stati i nostri ultimi 6 mesi in Campania, ma concretamente cosa è cambiato?

    Fino ad oggi si è parlato di task force e misure eccezionali da mettere in campo, di screening sanitari gratuiti per le popolazioni locali, di droni militari ed esercito per controllare il territorio.

    Fino ad oggi si è solamente parlato, perché nel frattempo i clan di camorra continuano tranquillamente a sversare e bruciare rifiuti. E le zone sono sempre le stesse.  

  • "Rifiutarsi" aderisce e parteciperà alla manifestazione #Stopbiocidio Fiume in Piena del 16 novembre

    Noi scenderemo in piazza per chiedere la fine degli sversamenti di rifiuti urbani, speciali e industriali e per pretendere la fine dei roghi tossici. Riteniamo che prima di instaurare un ciclo virtuoso dei rifiuti, prima di individuare quali campi possano essere coltivati e quali destinati al no-food, prima di cominciare a caratterizzare, mettere in sicurezza e bonificare le aree inquinate, prima di tutto questo è necessario iniziare a contrastare il controllo delle eco-mafie sui nostri territori. Nell’80% dei casi a scaricare, intombare e bruciare rifiuti è la Camorra.

Sostieni AreaNolana.org

Accesso Utenti