Venerdì, 11 Aprile 2014 12:34

Regi Lagni tra San Vitaliano e Nola: Terra di Nessuno. La Denuncia di RIFIUTARSI

Vota questo articolo
(0 Voti)
Regi Lagni tra San Vitaliano e Nola: Terra di Nessuno. La Denuncia di RIFIUTARSI

REGI LAGNI TRA SAN VITALIANO E NOLA, TERRA DI NESSUNO

Mobilitazione di vip nazionali, reportage di giornali e tv, incontri istituzionali con ministri in parrocchia, decreti legge fatti in fretta e furia e analisi sui terreni sbattute in prima pagina.

Questi sono stati i nostri ultimi 6 mesi in Campania, ma concretamente cosa è cambiato?

Fino ad oggi si è parlato di task force e misure eccezionali da mettere in campo, di screening sanitari gratuiti per le popolazioni locali, di droni militari ed esercito per controllare il territorio.

Fino ad oggi si è solamente parlato, perché nel frattempo i clan di camorra continuano tranquillamente a sversare e bruciare rifiuti. E le zone sono sempre le stesse.  

Ne è un esempio Ponte delle Tavole, tra San Vitaliano e Nola.

Sono trascorsi 2 anni dalle nostre denunce e il degrado, lo scempio e l’incuria sono ancora l’unica condizione in cui versano le campagne di questa zona. Non solo i rifiuti di questi 24 mesi non sono stati rimossi e non si è proceduto alla bonifica del territorio, ma non si è nemmeno messa sotto controllo l’area.  Com’è possibile vedere dalle foto, qui non manca nulla.

La “munnezza” continua ad essere scaricata ai lati delle strade dell’area oppure direttamente nel lagno. Altri rifiuti, invece, confluiscono dagli altri alvei spinti dalle piogge. Nella fattispecie siamo riusciti ad individuare: quintali di rifiuti talquale, diversi televisori abbandonati, frigoriferi, materassi, servizi igienici, chili di tubi e guarnizioni, tonnellate di scarti edili di ogni sorta, decine di pneumatici, pericolosi prodotti chimici per uso agricolo, tonnellate di scarti tessili industriali, diversi resti di roghi tossici e decine di chili di eternit e amianto.

Il Presidente della Regione Campania Stefano Caldoro e l’Assessore all’Ambiente Giovanni Romano hanno più volte promesso grandi lavori per rimettere in sesto l’opera borbonica.

Nel gennaio del 2010 la Regione accorda un finanziamento di 3 milioni di euro al Consorzio Generale di Bonifica del Bacino Inferiore del Volturno per la bonifica, la gestione e la manutenzione dei Regi Lagni nell’Area Nolana.

I lavori partono nel gennaio 2013 e sono affidati alla SMA Campania Spa, ma tra San Vitaliano e Nola è tutto uguale da più di 2 anni. I carabinieri venuti sul posto 2 anni fa, lontani dalle telecamere di Striscia la Notizia, dissero che monitorare il territorio campano con le sole forze a disposizione era impossibile.

Eppure sarebbe relativamente semplice controllare quest’area, visto che la strada d’accesso è solamente una. 

Il controllo del territorio dovrebbe essere il normale scopo non solo delle forze dell’ordine ma anche delle amministrazioni comunali, cosa che il sindaco di San Vitaliano Antonio Falcone e il sindaco di Nola Geremia Biancardi sembrano aver dimenticato.

Perché non hanno ancora avviato un servizio di collaborazione tra le rispettive forze municipali per monitorare e tutelare l’area in questione?

Quanto costa effettivamente alle casse comunali mettere in piedi un sistema di sorveglianza e monitoraggio del territorio?

E’ realmente più dispendioso del ricorso a saltuarie rimozioni di rifiuti?

Forse ai nostri politici questa parte del nostro territorio non interessa, forse il posto è troppo lontano.

Troppo lontano dalle passerelle e dalle sedi-salotto, dai microfoni e dai flash, lontano e nascosto dagli occhi di chi vota. 

Ecco le foto: http://goo.gl/4o3BTu

Devi effettuare il login per inviare commenti
Joomla SEF URLs by Artio

Articoli Correlati

  • Inquinamento da Polveri Sottili a Nola. Legambiente e Forum Ambiente: Dati Preoccupanti

    Un'indagine indipendente per monitorare la qualità dell'aria in una città dove le istituzioni non danno risposte e che non ha nemmeno una centralina per il rilevamento delle polveri sottili. E' la sfida lanciata dal circolo Legambiente "La Cicala" di Nola e dal Forum Ambiente Area Nolana, con le prime rilevazioni eseguite attraverso una centralina mobile venerdì 11 marzo, tra le ore 12 e le 15.

  • Caso villa Comunale di Nola. Il sindaco Biancardi deciso ad abbattere. I cittadini: Tagli illegittimi. Previste nuove azioni per fermare le motoseghe.

    NOLA - Continua la campagna di 'resistenza' di cittadini e associazioni ai tentativi dell'amministrazione comunale di Nola di abbattere gli alberi secolari e monumentali della villa comunale di Nola. A seguito del cedimento di un arbusto in villa alcuni giorni fa, il sindaco Biancardi annunciava gli immediati abbattimenti. Nonostante si sia ancora in attesa dell'esito della controperizia civica affidata al dott. Andrea Maroè, commissionata da alcune associazioni e dagli attivisti del Movimento 5 Stelle di Nola. Ciò che più indigna cittadini e associazioni è il fatto che in quasi un anno l'ente comune di Nola non abbia effettuato alcun intervento di messa in sicurezza degli alberi della villa. L'impressione generale è che, dopo una chiusura che si protrae da mesi in assenza di cure agli alberi, oggi il sindaco Biancardi abbia interesse ad aprire la villa comunale più per consentire manifestazioni private già calendarizzate che per tutelare efficacemente ...
  • Alberi malati di Nola. Il comunicato del Forum Ambiente Area Nolana.

    A seguito della conferenza stampa nella quale il sindaco di Nola ha annunciato la distruzione della maggior parte degli alberi secolari protetti della villa comunale e del cimitero, il Forum Ambiente Area Nolana ha emesso un proprio comunicato sulla vicenda.

    Molti sono gli aspetti poco chiari dell'iter burocratico che ha portato alla formazione della perizia commissionata non dal Comune ma dal Vivaio Marrone, gestore del servizio di manutenzione del verde del Comune di Nola.

    Tali anomalie amminsitrative, nonché il fatto che la villa comunale rappresenta un'area protetta vincolata per la quale Biancardi non può disporre alcun abbattimento senza ottenere prima il parere degli organi competenti, non sono state rilevate dal comunicato del Forum Ambiente Area Nolana che non pone alcun dubbio sugli esiti degli accertamenti disposti da vivaio Marrone.

    Ecco il testo del comunicato del forum.

  • Cimitero di Nola: Una Discarica a Cielo Aperto. La Denuncia di RIFIUTARSI

    CIMITERO DI NOLA, UNA DISCARICA A CIELO APERTO

    Da ottobre ad oggi il tema Terra dei Fuochi è arrivato alla ribalta nazionale.

    Il processo di presa di coscienza del reale sta generando poco a poco una grande e nuova sensibilità ambientale nella popolazione campana, ma sta accadendo lo stesso anche nelle istituzioni ? Se consideriamo quello che sta accadendo a Nola, sembrerebbe proprio di no.

    Da diversi mesi nel parcheggio nel cimitero comunale è possibile ammirare l’ennesima discarica illegale dell’Agro Nolano, discarica creata appositamente dal Comune di Nola.

  • "Rifiutarsi" aderisce e parteciperà alla manifestazione #Stopbiocidio Fiume in Piena del 16 novembre

    Noi scenderemo in piazza per chiedere la fine degli sversamenti di rifiuti urbani, speciali e industriali e per pretendere la fine dei roghi tossici. Riteniamo che prima di instaurare un ciclo virtuoso dei rifiuti, prima di individuare quali campi possano essere coltivati e quali destinati al no-food, prima di cominciare a caratterizzare, mettere in sicurezza e bonificare le aree inquinate, prima di tutto questo è necessario iniziare a contrastare il controllo delle eco-mafie sui nostri territori. Nell’80% dei casi a scaricare, intombare e bruciare rifiuti è la Camorra.

Sostieni AreaNolana.org

Accesso Utenti