Sabato, 14 Settembre 2013 08:43

Come si conquista il monopolio dell'informazione a Nola

Vota questo articolo
(5 Voti)
Come si conquista il monopolio dell'informazione a Nola

La stampa locale dell'area nolana tra denaro pubblico e condizionamento politico. 

Quanto è libera la stampa locale dell'area nolana? Quanto essa è condizionata politicamente ed economicamente dall'amministrazione comunale di Nola e in generale dal PDL locale dell'on. Paolo Russo? Inchiesta sui media e i giornalisti del territorio tra incarichi pubblici e attività privata.

PARTE SECONDA: STORIA DI UNA 'COLONIZZAZIONE POLITICA' DELLA STAMPA

 

Nel 2004, il sindaco Felice Napolitano nomina suo addetto stampa il giornalista di Cronache di Napoli (corrispondente per l'area nolana) Fabio Relino.

Dopo qualche tempo dalla nomina ad addetto stampa del Comune di Nola, Relino rescinde il contratto con Cronache di Napoli per venire sostituito dal giovane pubblicista (allora) Antonio D'Ascoli, 'molto vicino' al consigliere comunale PDL Franco Nappi. Poi diventato addetto stampa a stipendio dell'ente comune di Nola con il sindaco Biancardi. D'Ascoli, oltre all'incarico presso il Comune di Nola, dirige il giornale cartaceo 'Gli innamorati della festa News', organo della omonima associazione di cui D'Ascoli è presidente, e il giornale online 'NonsoloNola'.

Nel giugno 2009 viene eletto il sindaco Biancardi. Relino cede il posto al nuovo addetto stampa Michele Sibilla, giornalista sportivo e amico personale del neo sindaco. D'Ascoli resta a Cronache.

Tra il 2009 e il 2010 D'Ascoli viene nominato addetto stampa della commissione consiliare Pubblica Istruzione, il cui presidente è l'amico Franco Nappi, presidente della commissione.

Relino, nel frattempo, ha fondato una società editrice, la Octopus Edizioni. Insieme ai corrispondenti del Mattino Nello Lauro e Bianca Bianco, fonda 'Il Nolano', quotidiano online e cartaceo in forma di settimanale. Il giornale di Relino ha avuto, tra i suoi più importanti finanziatori, la catena locale di frachising Fergi, di proprietà dell'attuale vicesindaco PDL Vincenzo De Lucia, e l'Agenzia di Sviluppo dei Comuni dell'Area Nolana, consorzio pubblico il cui capofila è il Comune di Nola.

Nel 2011 D'Ascoli diventa addetto stampa 'ufficiale' del sindaco Biancardi. Anch'egli deve, per motivi di necessità, abbandonare la collaborazione con Cronache di Napoli, collaborazione che viene assunta da un giovane giornalista che risponde al nome di Antonio Laurino, parente del capogruppo PDL Franco Nappi di cui Laurino è anche stato collaboratore nell'attività associativa. Laurino è anche presidente di una associazione, Unitas, che fin dalla sua fondazione ha potuto giovarsi, grazie ai buoni uffici del consigliere Nappi, del sostegno dell'amministrazione comunale di Nola per lo svolgimento dell'attività associativa. 

Possiamo, quindi notare come, nell'ambito delle nomine di addetto stampa del sindaco di Nola, si realizzava anche un avvicendamento che consentiva quantomeno la 'vicinanza politica' del corrispondente locale del giornale Cronache di Napoli.

Per quanto riguarda 'Il Mattino', più importante giornale della Campania, il corrispondente per Nola è la giornalista Carmen Fusco, già addetta stampa dell'on. Paolo Russo nella passata legislatura quando quest'ultimo era presidente della commissione agricoltura. Attualmente Carmen Fusco è addetta stampa dell'Agenzia di Sviluppo dei Comuni dell'Area Nolana, quindi a stipendio presso un consorzio pubblico gestito principalmente dal Comune di Nola e, naturalmente, politicamente influenzato dall'on. Paolo Russo. Recentemente il sindaco di Nola Geremia Biancardi è stato eletto presidente del comitato di controllo dell'Agenzia di Sviluppo dei Comuni dell'area nolana. Non possiamo, quindi, identificare la corrispondente del Mattino come indipendente rispetto alla politica locale.

Nel 2013, Il Nolano chiude i battenti. Al suo posto nasce Il Giornale Locale, sempre quotidiano online, sempre organizzato da Nello Lauro (in qualità di editore) e da Bianca Bianco (direttore). Anche in questo caso, tra gli sponsor principali del giornale compare l'Agenzia di Sviluppo dei Comuni dell'area nolana.

Restano alcune altre realtà mediatiche locali tra cui la più nota al pubblico è ll Cazziblog, blog online, organo dell'associazione Amici del Marciapiede, animato dall'inossidabile Raffaele Napolitano detto 'Trombone'. Il Cazziblog è stato, negli anni, organo di opposizione al centrodestra e molto vicino all'ex sindaco Giuseppe Serpico. questo fino a quando, con la nuova amministrazione comunale e la nomina ad assessore di Maria Grazia De Lucia, Autilia Napolitano si è trovata prima come membro dello staff dell'assessore, poi addetta stampa (la terza) del sindaco Biancardi.

A margine, citiamo altre realtà editoriali quali Retenews 24, giornale online di riferimento della Lista Civica per Monti, il cui corrispondente locale è Pasquale Napolitano, molto vicino al consigliere comunale Vincenzo Iovino. Diversi altri organi di stampa locali sono sponsorizzati dalla Fergi di Vincenzo De Lucia e da altre imprese di proprietà o sussidiarie di esponenti del CentroDestra locale, Paolo Russo sopra tutti. 

Dal quadro che si evince, risulta chiaro che, dal 2004 in poi, vi è stata una progressiva opera di 'avvicinamento' della quasi totalità degli organi di stampa all'amministrazione comunale, attraverso il conferimento di incarichi e di emolumenti quasi tutti derivanti da fondi pubblici. Motivo questo che ci spinge a ritenere - ci sia almeno consentito esprimere tale opinione - che, in una simile situazione, non possiamo certo considerare le notizie relative al territorio, e riportate dai succitati professionisti dell'informazione, totalmente scevre da condizionamenti di carattere politico/economico.

3 commenti

  • Link al commento Antonio Alfieri Domenica, 06 Ottobre 2013 21:33 inviato da Antonio Alfieri

    Rispondo 'all'anonimo' Giuseppe. Se leggi le Note Legali (il link è nel menù superiore se non lo hai visto) noterai che: a) non siamo una testata giornalistica e chi scrive su AreaNolana.org non è un professionista dell'informazione come i signori citati nell'articolo; b) il responsabile per ogni contenuto del portale è del sottoscritto. L'unico nostro scopo è sviluppare una seria discussione sulla città di Nola e la sua comunità locale rispettando l'opinione di tutti ma rimanendo legati a FATTI RISCONTRABILI E CIRCOSRITTI. Ci auguriamo che al più presto qualcuno possa ribattere alle notizie contenute nei nostri articoli argomentandole sufficientemente. Grazie.

  • Link al commento Domenica, 06 Ottobre 2013 18:00 inviato da giuseppe

    Scusate ma chi lo ha scritto questo articolo!! da buon giornalista dovrebbe firmarsi.
    Grazie

  • Link al commento Domenica, 06 Ottobre 2013 08:17 inviato da Antonio

    Come sempre, si dimentica chi in uno splendido isolamento dal 1995 opera sul territorio senza padrini politici e soli con le proprie forze. Parliamo dell'Associazione "La Contea Nolana" diretta da Antonio Napolitano, che fondò dapprima nel 1999 il periodico "La Contea Nolana", poi successivamente trasformato in "Io Cittadino". Nonostante le difficilissimi situazioni economiche il periodico è stato trasformato in Blog "Iocittadino.org". Come si vede voci fuori dal coro al potere politico corrente ci sono, anche se sono minoranza.

Devi effettuare il login per inviare commenti
Joomla SEF URLs by Artio

Articoli Correlati

  • Condizionamento dell'informazione nell'area nolana: il caso VideoNola

    La stampa locale dell'area nolana tra denaro pubblico e condizionamento politico.

    Quanto è libera la stampa locale dell'area nolana? Quanto essa è condizionata politicamente ed economicamente dall'amministrazione comunale di Nola e in generale dal PDL locale dell'on. Paolo Russo? Inchiesta sui media e i giornalisti del territorio tra incarichi pubblici e attività privata.

    PARTE TERZA: IL CASO VIDEONOLA, DA RETE LOCALE 'LIBERA' A ORGANO DI INFORMAZIONE DEL SINDACO BIANCARDI

  • La stampa locale dell'area nolana tra denaro pubblico e condizionamento politico

    La stampa locale dell'area nolana tra denaro pubblico e condizionamento politico.

    Quanto è libera la stampa locale dell'area nolana? Quanto essa è condizionata politicamente ed economicamente dall'amministrazione comunale di Nola e in generale dal PDL locale dell'on. Paolo Russo? Inchiesta sui media e i giornalisti del territorio tra incarichi pubblici e attività privata.

    PARTE PRIMA: ADDETTI STAMPA E GIORNALI

Sostieni AreaNolana.org

Accesso Utenti