Lunedì, 04 Maggio 2015 14:59

Su iniziativa del Movimento 5 Stelle Nola la Soprintendenza sospende gli abbattimenti degli alberi secolari della villa comunale di Nola.

Vota questo articolo
(2 Voti)
Su iniziativa del Movimento 5 Stelle Nola la Soprintendenza sospende gli abbattimenti degli alberi secolari della villa comunale di Nola.

NOLA – Nuovo stop alla procedura di abbattimento degli alberi secolari della villa comunale di Nola.

A sospendere le procedure di abbattimento una nota (3558 del 27/04/2015) trasmessa dalla Soprintendenza alle Belle Arti e il Paesaggio per il Comune e la Provincia di Napoli.

La sospensione è stata disposta in attesa di ulteriori accertamenti per il riconoscimento di bene di interesse storico ai sensi dell'art. 12 del Decreto sulla tutela dei beni ambientali 42/2004.

La procedura è stata avviata alla Soprintendenza su richiesta del Gruppo Attivisti Nola Movimento 5 Stelle, coadiuvata dalla comunità editoriale di AreaNolana.org, e sottoscritta dal vicepresidente della Camera dei Deputati Luigi Di Maio e dal Capogruppo in Commissione Ambiente alla Camera Salvatore Micillo.

L'iniziativa assunta dai rappresentanti del Movimento 5 Stelle è stata avviata nel gennaio scorso a seguito della manifesta volontà dell'amministrazione a non voler ricercare soluzioni alternative all'abbattimento degli alberi secolari della villa.

Nella mattinata di oggi (04 maggio) i funzionari della Soprintendenza, Dott.ssa Scielzo e Dott. Palladino, hanno effettuato un sopralluogo della villa comunale, accompagnati dagli ambientalisti locali e da una folta delegazione dell'Amministrazione Comunale di Nola.

A seguito della iniziativa dei 5 Stelle a difesa della Villa Comunale di Nola, per la quale si sono mobilitati i deputati campani Di Maio, Micillo e Gallo della Commissione Beni Culturali, è stata nuovamente richiesta al sindaco di Nola la commissione di una controperizia per verificare le risultanze dei test compiuti dal tecnico del Vivaio Marrone Giuseppe Cardiello, conclusioni che sono state aspramente contestate dai pentastellati e dalle associazioni ambientaliste.

 

“Ciò che più ci inquieta – dichiara la promotrice della azione di tutela del patrimonio storico ambientale della villa comunale, Annamaria Napolitano – è che il sindaco di Nola continua a non voler cercare soluzioni alternative all'abbattimento; e ciò nonostante sia evidente il rischio di distruzione di un bene comune insostituibile. Dopo il sopralluogo dei funzionari della Soprintendenza, il sindaco Biancardi ha garantito che consentirà l'esecuzione di una controperizia. Speriamo mantenga l'impegno visto che il perito Matteo Palmisani, nominato dalle associazioni ambientaliste, sta da mesi attendendo l'autorizzazione a effettuare la propria perizia sugli alberi della villa. Autorizzazione che Biancardi non ha ancora concesso. Nei prossimi giorni – continua la prof.a Napolitano – inoltreremo insieme ai nostri portavoce in Parlamento una nuova richiesta al sindaco Biancardi per l'esecuzione di nuove analisi con tecnici indipendenti; speriamo vivamente che ci consentirà l'esecuzione dei test. Confidiamo nell'attività della Soprintendenza per il riconoscimento e la tutela del valore storico ambientale della villa comunale e invitiamo tutti i cittadini che abbiano materiale storico sulla villa comunale a renderlo pubblico onde sostenere la nostra istanza. Infine – conclude Napolitano - mi sento di rivolgere una considerazione ad alcuni personaggi del Comitato civico per salvare la Villa comunale. Fatte salve le iniziative come conferenze, raccolte firme, che sono importanti per coinvolgere l’opinione pubblica, vorrei ricordare che le iniziative a norma di legge non sono una nostra prerogativa, chiunque poteva e può farle a patto che conosca le leggi o si faccia consigliare da chi è pratico. Spero a questo punto sia ormai chiaro che a nulla serve screditare le opinioni, le modalità, il carattere di chi opera per un obiettivo, visto che ha le capacità per farlo e opera bene, e lo dimostrano i fatti odierni.”

 

Si resta in attesa delle intenzioni dell'Amministrazione Comunale di Nola che come indicato nella nota trasmessa dalla Soprintendenza, non potrebbe effettuare alcun intervento fino alla definizione della procedura di valutazione in capo alla stessa Soprintendenza.

Devi effettuare il login per inviare commenti
Joomla SEF URLs by Artio

Donazione via PayPal

Articoli Correlati

  • Salviamo il Montezuma. Mercoledì 27 maggio la perizia commissionata dai cittadini sugli alberi della villa comunale di Nola

    Nola – Mercoledì 27 maggio verrà eseguita la controperizia sul Taxodium Mucronatum 'Montezuma' della villa comunale.

    Commissionata da associazioni e cittadini impegnati da mesi in una campagna per la difesa del patrimonio storico/ambientale della villa comunale di Nola, si spera potrà verificare definitivamente le analisi compiute un anno fa dal tecnico del Vivaio Marrone Giuseppe Cardiello.

  • Alberi secolari della Villa Comunale di Nola - Cittadini e associazioni ambientaliste contestano la decisione di Biancardi ad abbattere.

    NOLA – venerdì 13 febbraio si è tenuta l'assemblea pubblica di cittadini e associazioni impegnate nel tentativo di salvare gli alberi secolari e monumentali della Villa Comunale di Nola. Dopo la diffusione del parere del prof. Saracino della Facoltà di Agraria della Federico II, il sindaco di Nola ha annunciato il prossimo abbattimento di 25 alberi nella villa comunale, compreso il Cipresso Montezuma. Secondo il professor Saracino gli alberi sono irreversibilmente compromessi e quindi vanno abbattuti per evitare possibili danni alle persone in caso di crollo. I rappresentanti delle associazioni nazionali WWF, Legambiente e LIPU, insieme a diverse associazioni locali e molti cittadini di Nola, non ci stanno. Tanti i motivi per cui si può ritenere che le procedure di analisi commissionate dal Comune di Nola non giustifichino, allo stato, l'abbattimento degli alberi secolari. Soprattutto si contesta che l'amministrazione non tiene conto che l'esemplare di ...
  • Alberi Secolari a Nola. Presentata una relazione sulle prove SIM che conferma l'abbattimento. Ma è solo un falso. La vera perizia ancora non c'è.

    NOLA – Nuovo vergognoso episodio nella vicenda alberi secolari della Villa Comunale.  Spunta una Valutazione delle Condizioni Fitostatiche degli alberi secolari a seguito delle prove SIM, a firma sempre del perito Giuseppe Cardiello, secondo la quale gli alberi sarebbero comunque a rischio. In particolar modo il Cipresso Montezuma. Una nuova relazione, quella di Cardiello, palesemente falsa, errata nella esposizione dei dati, incompleta, irregolare nella sua composizione. Il Comune di Nola ha speso migliaia di euro per le prove SIM e al momento non ha ancora ricevuto l'esito certificato di tali prove dal dott. Logiudice, unico tecnico abilitato ad emetterle. Quindi possiamo affermare che l'esito delle prove SIM ancora non è stato prodotto al committ ...
  • Cosa sono le prove SIM e come sono stati eseguiti i test sugli alberi secolari della villa comunale di Nola

    NOLA - Lunedì 24 novembre sono state eseguite le prove SIA/SIM sugli alberi secolari del Comune di Nola. Presenti in villa comunale il dott. Giuseppe Lo Giudice, esperto certificato per le prove SIA/SIM, il dott. Cardiello (poi andato via e assente per tutta la mattinata) perito del Vivaio Marrone nominato per la circostanza dal Comune di Nola, e Antonio Alfieri in rappresentanza dei cittadini e le associazioni presenti al presidio fuori alla villa comunale. La presenza di un delegato dei cittadini, munito di videocamera per filmare tutte le procedure di test sugli alberi e registrarne i risultati, ha quantomeno garantito che le prove non causassero particolari danni agli alberi secolari della villa comunale. Ma cosa sono le prove SIA/SIM e perchè tanti cittadini e ambientalisti non volevano che fossero eseguite? E perché è stato così difficile poter ottenere l'accesso alla villa comunale per verificarne la regolarità diu esecuzione? Le ...
  • Le prove SIM sugli alberi secolari della villa comunale di Nola. Cronaca di uno scempio (non ancora) evitato.

    NOLA – Si sono tenute lunedì 24 novembre, nonostante le proteste degli ambientalisti 'non allineati' con il Forum Ambiente Area Nolana, le famigerate prove SIM sugli alberi secolari della villa comunale di Nola. Nonostante le richieste di cittadini e associazioni di sospendere le prove in attesa del sopralluogo di WWF e LIPU previsto per sabato 29 novembre, il sindaco Biancardi ha ordinato la loro esecuzione dichiarando ai presenti che erano già state concordate con il Forum Ambiente e che lo stesso Forum è l'unico soggetto riconosciuto dall'amministrazione quale interlocutore nella vicenda. Grazie alla presenza dei cittadini - tra cui alcuni soci di Legambiente Nola e il consigliere comunale di opposizione Mariafranca Tripaldi - e alle forti proteste degli attivisti del Movimento 5 Stelle, la Polizia ha infine consentito l'accesso all'agronomo Felice Simonetti e alla telecamera di AreaNolana.org di filmare le fasi dei test. Grazie alla videoregistrazion ...

Sostieni AreaNolana.org

Accesso Utenti