Martedì, 16 Giugno 2015 14:17

Nola: gestione parcheggi sospesa da due settimane. Biancardi non riavvia il servizio. Gli abusivi invadono le aree di sosta.

Vota questo articolo
(1 Vota)
Nola: gestione parcheggi sospesa da due settimane. Biancardi non riavvia il servizio. Gli abusivi invadono le aree di sosta.

NOLA – La gestione delle aree di sosta del Comune di Nola è sospesa dal 01 giugno scorso per interruzione del servizio da parte del Consorzio Atena.

Lavoratori licenziati, aree a parcheggio invase dagli abusivi. L'amministrazione comunale di Nola non riesce a riavviare il servizio.

Nelle ultime due settimane il Comandante della Polizia Locale, Luigi Maiello, ha tentato di riaffidare il servizio a una delle imprese partecipanti alla gara d'appalto secondo il principio dello scorrimento della graduatoria.

Un atto dovuto, secondo il Comandante, ma che non ha fin'ora consentito l'individuazione di un gestore, a causa delle condizioni di affidamento eccessivamente onerose.

Nel frattempo Maiello e gli agenti della Polizia Locale combattono quotidianamente con gli abusivi che ormai occupano stabilmente le aree a parcheggio comunali.

I lavoratori del servizio, oltre a essere licenziati da due settimane, non hanno ancora percepito gli stipendi del mese di maggio, e ciò nonostante abbiano richiesto il pagamento diretto all'Ente cosi come previsto dal D.P.R. 207/2010.

I lavoratori hanno presentato una proposta di gestione temporanea attraverso cooperative sociali che prevede la devoluzione degli utili di impresa all'ente. Quindi nessun guadagno per il gestore ma solo la copertura dei costi.

L'amministrazione al momento non pare intenzionata a valutare tale proposta mentre ormai si è in piena festa dei gigli e la situazione di ordine pubblico presso le aree di sosta diventa drammatica per le condizioni di sicurezza e legalità delle aree.

“La situazione attuale era da prevedersi – dichiara il dirigente sindacale Antonio Alfieri che rappresenta i lavoratori dell'affidamento – in quanto l'affidamento presentava e presenta una serie di notevoli anomalie sia nella compilazione del Capitolato d'Appalto sia nelle offerte presentate dalle imprese partecipanti.

Lo stesso comandante Maiello, purtroppo subentrato nella funzione di dirigente troppo tardi per arginare il disastro, ha dovuto evidenziare la sussistenza di elementi che inquinano e condizionano la gestione del servizio alle condizioni fissate dall'ultima gara d'appalto.

Nell'affidamento da poco interrottosi abbiamo avuto modo di rilevare, come già accaduto nel corso degli ultimi anni, una serie di irregolarità amministrative che investono la diretta responsabilità dell'Ente Comune e dovute anche a diretti rapporti tra impresa gestore e esponenti dell'amministrazione comunale.

Allo stato attuale abbiamo proposto all'amministrazione comunale di affidare con procedura d'urgenza ad impresa sociale garantendo la copertura dei costi di gestione e devolvendo la totalità degli utili di impresa all'Ente.

Una soluzione che sicuramente non presenta elementi di illegalità ma che l'amministrazione Biancardi si ostina a non prendere in considerazione. Un atteggiamento, quello dell'amministrazione comunale di Nola, all'insegna della totale irresponsabilità.

Dopo aver consentito al Consorzio Atena di gestire in maniera fallimentare il servizio parcheggi a Nola senza intervenire per le questioni di competenza, l'amministrazione richiama dei non meglio precisati principi di legalità per non affidare direttamente il servizio – nelle more dell'espletamento di una nuova gara – consentendo così agli abusivi di gestire le aree a parcheggio.

Una amministrazione, quella di Biancardi, che non ha disdegnato di affidare direttamente - nelle more dell'espletamento della gara triennale e a condizioni vantaggiosissime per il gestore - la gestione 'temporanea' (che poi è durata per tre anni) ad una impresa poi coinvolta in una inchiesta per riciclaggio di denaro della criminalità organizzata e che solo dopo il sequestro da parte della DDA ha provveduto a sostituire con una gara d'appalto anch'essa irregolare.

La proposta che abbiamo avanzato all'ente comune di Nola, che prevede la gestione attraverso cooperative sociali con la compartecipazione degli addetti e la devoluzione di tutti gli utili di impresa all'Ente Comune di Nola naturalmente presenta un gravissimo difetto agli occhi della politica locale: non consente la disposizione di guadagni all'impresa gestore e non permette operazioni economico/clientelari ad eventuali 'sponsor politici' del soggetto gestore.

Purtroppo l'amministrazione Biancardi continua a dimostrare nei più svariati ambiti che la Legalità non è nient'altro che una serie di 'slogans' ottimi per le citazioni nei comunicati ai giornali ma assolutamente sconvenienti come prassi operativa per l'attività politico/gestionale dell'ente comune di Nola”

Nei prossimi giorni i lavoratori licenziati hanno programmato iniziative di protesta nei confronti dell'Amministrazione Comunale di Nola per sensibilizzare l'ente comune sul problema e sollecitare una soluzione per il riavvio del servizio.

Devi effettuare il login per inviare commenti
Joomla SEF URLs by Artio

Donazione via PayPal

Articoli Correlati

  • Gestione Parcheggi a Nola. Dal primo giugno servizio sospeso e lavoratori in protesta.

    NOLA – Domani (28 maggio) presidio di protesta al Municipio cittadino da parte degli ausiliari alla sosta del comune di Nola.

    Ancora in attesa del pagamento dello stipendio del mese di aprile, i lavoratori hanno ricevuto la comunicazione di licenziamento a decorrere dal 01 giugno prossimo.

    Nonostante i lavoratori abbiano avviato da giorni lo stato di agitazione, l'ente comune di Nola a tutt'oggi ancora non riesce a garantire né il pagamento degli stipendi né la regolare prosecuzione del servizio da giugno in poi.

    Una gestione, quella del servizio di sosta a pagamento del Comune di Nola, gravata da una serie di criticità che ne hanno reso impossibile la gestione alle varie imprese che hanno vinto le gare d'appalto dal 2009 a oggi.

    La attuale situazione viene così riassunta da Antonio Alfieri, dirigente del sindacato autonomo Un.Si.L. che rappresenta i lavoratori dell'appalto:

  • Servizio Mense Scolastiche a Nola. I lavoratori da due mesi senza stipendio. Si va verso lo sciopero.

    NOLA – Annunciato lo sciopero degli addetti al servizio mensa del Comune di Nola. Il servizio, è gestito dalla società S.L.E.M., con sede a Sorrento. La società, già affidataria nell'ultimo triennio, ha poi vinto la gara informale nell'ottobre 2014 aggiudicandosi la gestione 'temporanea' nelle more dell'espletamento della gara triennale. La ditta S.L.E.M. vanta nei confronti del Comune di Nola crediti derivanti dalla gestione precedente (gennaio/giugno 2014). Sulla base di tale situazione l'impresa, senza tra l'altro comunicare mai formalmente tale condizione né all'Ente Comune di Nola né ai lavoratori, ha sospeso i pagamenti degli stipendi dal mese di dicembre scorso e non è intenzionata a pagare se non dopo l'incasso dei crediti vantati nei confronti del comune. Una situazione grave quella della gestione delle mense scolastiche che rischia di portare entro pochi giorni alla sospensione del servizio per la proclamata astensione dei l ...
  • Le condizioni di sicurezza e salubrità dei plessi scolastici a Nola. Una storia di soldi, di interessi privati, di indifferenza collettiva e di informazione falsata.

    Plesso Minieri chiuso per carenze igienico sanitarie. Dopo una settimana la vicenda sembra già dimenticata.

    Con la chiusura del plesso distaccato e la sistemazione delle aule nella sede principale del II Circolo “M. Sanseverino” la vicenda viene liquidata senza che nessuno si preoccupi di capire cosa sia effettivamente accaduto. Il sindaco di Nola Geremia Biancardi, nonostante la situazione, dichiara ancora pochi giorni fa che si sta valutando la rescissione del contratto di locazione per aule che ormai non vengono utilizzate.

    Ma la storia del plesso Minieri e la condizione di sicurezza e igienicità delle scuole di Nola è un po' diversa da come ce la hanno raccontata.

    È una storia di soldi, di interessi privati della solita cricca, di indifferenza collettiva e di informazione falsata.

  • Chiusura del plesso Minieri per carenze igienico sanitarie. Il 'mistero' delle aule insalubri e dei bambini in ospedale.

    Nola – È passata una settimana dalla notizia di alcuni bambini ricoverati in ospedale a seguito di una reazione allergica causata da carenze igienico sanitarie delle aule del plesso Minieri, struttura distaccata del II Circolo Didattico “M. Sanseverino”.

    La trattazione mediatica della vicenda è stata come al solito 'orchestrata', dagli organi di stampa locale, per spostare immediatamente l'attenzione della pubblica opinione dallo stato di salubrità e di sicurezza degli edifici scolastici al problema aule per scongiurare i doppi turni. Risolto quello, il problema sembra archiviato.

    Una vicenda, quella degli alunni finiti in ospedale che presenta molti aspetti ancora non chiariti. Non sappiamo cosa abbia effettivamente nuociuto ai bambini, quali ne siano state le specifiche cause, quali le eventuali responsabilità – tecniche e politiche – di un caso che poteva provocare altri e ben maggiori danni ai piccoli nolani del II Circolo.

  • I venti anni del Tribunale di Nola. Luci e (molte) ombre del presidio giudiziario. Prima Parte

    Lo scorso 14 aprile si è tenuta la celebrazione dei vent'anni dalla istituzione del Tribunale di Nola. L'occasione del ventennale sarebbe dovuta essere anche un momento per analizzare la condizione dell'amministrazione giudiziaria di un Tribunale che ha presentato e presenta notevoli elementi di criticità sia strutturali che operative. Nelle aree dove è forte il fenomeno della criminalità organizzata, la percezione della presenza dello Stato è particolarmente scarsa. Un presidio giudiziario dovrebbe rappresentare un elemento di rafforzamento della presenza dello Stato e delle Istituzioni. Le molte ombre che hanno caratterizzato la storia del Tribunale di Nola hanno fortemente inficiato, in termini di percezione pubblica, la credibilità del presidio giudiziario. In questa prima parte dell'approfondimento sulla storia del Tribunale di Nola analizzeremo le condizioni storiche in cui si svolse l'iter normativo per la sua istituzione e proporremo una ...

Sostieni AreaNolana.org

Accesso Utenti