Lunedì, 16 Settembre 2013 09:54

Passeggiata per le Strade di Nola: Storia di Ordinario Degrado - parte terza

Vota questo articolo
(0 Voti)
Passeggiata per le Strade di Nola: Storia di Ordinario Degrado - parte terza

Sbrigate le mie faccende, torno sotto casa, e mi fermo a parlare con il proprietario di un esercizio commerciale, che guarda con disapprovazione lo stato della strada di fronte il mio portone.

Cerco di scusarmi, non è colpa mia ma mi sento in colpa lo stesso.

Gli dico che sono appena stata al Municipio a chiedere come fare per ottenere una disinfestazione del rione, ma mi hanno risposto che le derattizzazioni sono prestabilite a scadenze fisse, e che a quelle extra dobbiamo provvedere noi...

 

La cadenza, presumibilmente, sarà quinquennale, perché non credo che i ratti raggiungano le dimensioni dei gatti in qualche mese soltanto. Ma forse mi sbaglio.

Però, gli racconto, per non mandarmi via a mani vuote visto che insistevo, mi hanno dato un modulo di richiesta da compilare e da consegnare poi all'ufficio tutela ambiente, non si sa mai che siano benevoli...

Il mio vicino mi guarda con un sorriso mesto, scuotendo la testa, facendomi sentire molto ingenua.

Mi racconta di una sua lunga odissea di giugno, vissuta nel tentativo di capire a chi competeva la disinfestazione del territorio, mentre veniva rimbalzato come una pallina da ping pong tra vari uffici del comune e ASL.

Odissea infruttuosa, manco a dirlo.

Lo confesso, mi scoraggio ancor prima di tentare.

Vado a comprare la mia bella esca per topi, come da suggerimento della premurosa impiegata comunale, che, ora capisco, mi voleva evitare maternamente inutili perdite di tempo fra gli uffici comunali.

Mi armo di guanti usa e getta, scopa paletta e quant'altro, e pulisco un po' la strada davanti al mio portone. Allungo lo sguardo al portone successivo, e vedo dei vicini che stanno posizionando due grossi vasi di piante di fronte al loro.

Mi spiegano - così forse le macchine non parcheggiano più sulla spazzatura, la sera.

Quanti ne ho visti di vasi distrutti davanti ad altri portoni!

Sicuramente li hanno visti anche loro, ma gli sorrido e gli dico: "che bella idea!", se c'è una cosa alla quale non dobbiamo permetterci di rinunciare è la buona volontà... che ancora ci preserva dall'assuefarci definitivamente allo stato attuale delle cose!

Ormai è autunno e piove spesso...

Passeggiando per le strade di Nola, ombrello in testa, mi ritrovo a canticchiare un vecchio motivetto:

“... gocce di pioggia su di me... un Ratto mi guarda e mi fa un sorriso... eh... gocce su di me...”

 

FINE

Devi effettuare il login per inviare commenti
Joomla SEF URLs by Artio

Articoli Correlati

Sostieni AreaNolana.org

Accesso Utenti